Violino

Il corso di violino è rivolto a tutti senza distinzione di età. Tuttavia l'impostazione di base è specifica per bambini e ragazzi a partire dai 6-7 anni.

Quasi come una leggenda il violino è considerato lo strumento più difficile da suonare. E come in tutte le leggende c'è un fondo di verità che va ricercata nei problemi che presenta produrre il suono con lo strumento. Prendiamo ad esempio il pianoforte. Per i non iniziati potrà essere illuminante l'esempio della Fuga del Gatto composta da Scarlatti su un tema che il micio di casa aveva “suonato” passeggiando sulla tastiera. Se vogliamo cercare un esempio equivalente per il violino dobbiamo scomodare il signor Tartini, violinista, che fa risalire l'ispirazione per la sua celebre sonata Il trillo del diavolo proprio a quest'ultimo, il quale gli sarebbe apparso in sogno imbracciando lo strumento ed eseguendo il tema che dà il nome al brano. Ecco che se da una parte è stato sufficiente un gatto, dall'altra è occorso il diavolo in persona! Ma a parte le leggende e gli sfottò tra violinisti e pianisti, le reali difficoltà meccaniche che presenta all’inizio un violino costituiscono ormai un problema marginale, che viene risolto con relativa semplicità grazie allo sviluppo delle più recenti metodologie didattiche.
In realtà, come per tutti gli strumenti, pianoforte compreso, il problema principale è quello dell'immaginazione sonora necessaria per poter suonare e che, a parte alcuni rarissimi casi, non è innata ma deve essere coltivata e accresciuta con anni di pratica musicale.

Il metodo applicato in questo corso prevede una fase iniziale nella quale l'allievo viene fornito di pochissimi elementi di tecnica strumentale, iniziando a suonare fin da subito, ribaltando così, almeno in parte, il detto “Dio ci salvi da un cattivo vicino e da un principiante di violino”.
Fin dall'inizio l'attenzione viene guidata verso l'ascolto, il canto, il ritmo, cominciando fin da subito a strutturare l'immaginazione sonora, base per qualsivoglia progresso musicale. Questo non significa tuttavia che non sia necessario esercitarsi anche a casa con una certa costanza per ottenere dei progressi. Ma questo vale per qualsiasi strumento.
 

Docente: Roberto Cecchetti