Mostra 2006 - Concerti

 
 

Luigi Attademo

Sabato 18 novembre 2006, ore 21:15
Sala dell'Hotel Armonia, Piazza Caduti Div.ne Aqui, Cefalonia e Corfù 11, Pontedera

Musiche di Manuel de Falla, Joaquin Turina, Federico Moreno Torroba, Jaume Pahissa, Miguel Llobet, Manuel Maria Ponce, Mario Castelnuovo-Tedesco, eseguite su chitarre di Francisco Simplicio (1926) e Santos Hernández (1934).

 
 

Luigi Attademo, nato nel 1972, si è perfezionato con Angelo Gilardino, sotto la cui guida consegue nel 1993 il diploma di perfezionamento triennale presso l'Accademia Internazionale "L. Perosi" di Biella con il giudizio di eccellente, dopo essersi diplomato l'anno prima al Conservatorio "G. Verdi" di Torino con il massimo dei voti. Frequenta inoltre numerose masterclass, oltre che con lo stesso Gilardino, con i piú importanti chitarristi (Oscar Ghiglia, Dusan Bogdanovic, David Russell, Thomas Müller-Pering, Tilmann Hoppstock), con cui approfondisce il repertorio barocco e la musica del Novecento. Vincitore di diversi premi nazionali e internazionali, tra cui il prestigioso terzo premio al "Concours International d'Exécution Musicale" di Ginevra nel 1995. Ha suonato nei maggiori festival chitarristici italiani e ha eseguito in prima esecuzione diverse opere di autori del '900 e contemporanei, tra cui Angelo Gilardino, Dusan Bogdanovic, Alessandro Magini, Alessandro Solbiati. La sua formazione musicale spazia al di lá dell'ambito strumentale: analisi con Giovanni Guanti, composizione di musica per film con Ennio Morricone all'Accademia Chigiana di Siena e direzione d'orchestra con Julius Kalmar. Attualmente sta approfondendo i linguaggi compositivi della musica contemporanea sotto la guida di Alessandro Solbiati e ha partecipato come compositore all'evento internazionale Gemini:Muse 2004. Laureato in filosofia con una tesi sull'interpretazione musicale, ha pubblicato diversi articoli di stampo musicologico ed estetico, collaborando con riviste specializzate (Sedicorde, Suonare News) e Radio3 RAI. Ha curato il volume "Musica e interpretazione: conoscenza e soggettivitá nell'esecuzione musicale" (2002) per la casa editrice Trauben di Torino. Ha registrato per la casa discografica Niccolò un CD dedicato alle Sonate di Domenico Scarlatti nel 1998 e un secondo (2000) con musiche di J. S. Bach, per i quali ha ricevuto unanimi consensi di critica in Italia e all'estero. L'ultimo suo lavoro discografico per la rivista italiana "Seicorde" è dedicato a opere inedite ritrovate nell'Archivio Segovia, del quale ha realizzato la catalogazione dei manoscritti rinvenendo altre opere sconosciute di autori come Tansman, Pahissa, Cassadò etc. Di recente pubblicazione sono due CD dedicati rispettivamente a Boccherini e al repertorio segoviano del primo Novecento.

» www.luigiattademo.it


Lorenzo Micheli

Domenica 19 novembre 2006, ore 21:15
Sala dell'Hotel Armonia, Piazza Caduti Div.ne Aqui, Cefalonia e Corfù 11, Pontedera

Musiche di Piccinini, Kapsberger, Giuliani, Rebay, Roncalli, Castelnuovo-Tedesco, Barrios.
Strumentario: tiorba di Jiri Cepelak, Praga 2003 - copia di Matteo Sellas, Venezia 1635 (Piccinini, Kapsberger); chitarra a cinque cori di Jiri Cepelak, Praga 2004 - copia di Matteo Sellas, Venezia 1615 (Roncalli); chitarra di René Lacôte, Parigi 1825 (Giuliani); chitarra di Miguel Simplicio, Barcellona 1936 (Rebay, Castelnuovo-Tedesco, Barrios).

Definito dalla critica musicale "virtuoso extraordinaire" (Nice Matin), "l'esecutore ideale dello strumento" (Il Venerdí di Repubblica), "prodigious talent" (Soundboard), Lorenzo Micheli è oggi uno dei chitarristi italiani piú attivi sulla scena internazionale. Dopo gli studi con Paola Coppi a Milano, Frédéric Zigante a Losanna e Oscar Ghiglia a Siena, e il diploma con il massimo dei voti al Conservatorio di Trieste e alla Musik-Akademie di Basilea, Micheli si è imposto all'attenzione del pubblico vincendo il primo premio in alcuni dei piú importanti concorsi di interpretazione del mondo (Gargnano 1996; Alessandria 1997; Guitar Foundation of America 1999). Dal 1995 un'intensa attività artistica - come solista e con orchestre di fama - lo ha portato nelle sale da concerto di tutta Italia, in Europa (Spagna, Irlanda, Croazia, Austria, Svizzera, Estonia, Francia, Grecia, Polonia, Gran Bretagna, Finlandia, Slovenia, Norvegia, Germania, Turchia), in Canada e in un centinaio di città statunitensi, in Africa e in America Latina. Tiene regolarmente masterclass per Università e Festival americani ed europei, ha registrato per radio e televisioni di tre continenti e pubblicato numerosi articoli e contributi su riviste specializzate italiane e straniere. Il duo che ha formato insieme a Matteo Mela è stato salutato dal Washington Post come "extraordinarily sensitive, with effortless command and an almost unbearable delicacy of touch: nothing less than rapturous - profound and unforgettable musicianship of the highest order". La volontà di privilegiare il repertorio originale dello strumento si riflette nelle sue scelte discografiche: una monografia sulle opere per chitarra sola di Dionisio Aguado e una sui Quartetti op. 19 di François de Fossa con Matteo Mela e gli archi del Trio di Parma (Stradivarius), un CD dedicato alla musica di Mario Castelnuovo-Tedesco, i Duos Concertants di Antoine de Lhoyer (con Matteo Mela) e l'integrale delle opere di Miguel Llobet (Naxos), il video dal vivo "In concert - Live at Texas Tech" (Mel Bay), la registrazione integrale dei Concerti di Castelnuovo-Tedesco (Brilliant), e, di prossima uscita, un disco sulla musica di Andrea Falconieri e del '600 italiano con l'ensemble Conserto Vago (Stradivarius). Lorenzo Micheli insegna presso l'Istituto Musicale Pareggiato di Aosta, l'Accademia Musicale Tema di Milano e la Scuola Superiore di Musica dell'Accademia Musicale di Pescara.

» www.lorenzomicheli.com