Fisarmonica

L'avvento della fisarmonica nei conservatori di tutto il mondo ha permesso di innalzare il livello musicale dei fisarmonicisti, perché tenuti a rispettare un iter di studi strutturato in modo diverso da Paese a Paese, ma con l'obiettivo comune di formare - tramite lo studio di materie complementari - la competenza musicale, di affrontare con lo strumento composizioni di diversi generi musicali e la possibilità di inserire nella musica da camera la fisarmonica, per troppo tempo considerata strumento che poteva esercitare solamente un ruolo da protagonista ‘solista’. Uno strumento che nella sua storia ha conosciuto alterne fortune, snobbato dal “free jazz” ha trovato ampi consensi nell'esay listening Usa. Corteggiato da gruppi antagonisti quali Henry Cow, esplode infine nella Londra Thatcheriana divenendo ‘strumento politico’.
Negli anni l'elenco degli ‘unti’ si è ampliato: da Berio a Tom Waits, da Gorni Kramer a John Zorn e Pink Floyd. Negli anni ‘70 inizia la straordinaria operazione di Astor Piazzolla (compositore argentino) che riesce per la prima volta a fare del ‘Bandoneon’, ovvero una sorta di fisarmonica argentina dal suono più ‘grezzo’ e ‘malinconico’, il portavoce di una cultura locale; il nuevo tango affida allo strumento il compito di dare voce al genius (il talento) loci (del luogo). Sarà un’ascesa irresistibile. 
Oggi la fisarmonica è uno strumento che piace molto ai ragazzi (dai più piccoli agli adolescenti) in quanto strumento originale e di contrasto, quando è abbinato a qualsiasi strumento a corda, ad aria, a percussione etc....

Argomenti del Corso: 

  • Storia e conoscenza della Fisarmonica (aspetti tecnici, costruttivi ed evolutivi dello strumento).
  • Linguaggio e semiografia della Fisarmonica.Tecniche del mantice (belllows shale, ricoshet, vibrato, pulsazioni).
  • Principi di diteggiatura. 
  • Conoscenza dei registri del manuale destro e sinistro (bassi standard e bassi singoli "sciolti"). 
  • Repertorio di esame ministeriale al Conservatorio (Vecchio e Nuovo ordinamento). 
  • Musica da camera dal duo al quartetto (repertorio contemporaneo e trascrizioni). 
  • Uso degli accordi nel Jazz (Poliaccordi). 
  • Approccio alla musica Pop e Rock, Klezmer e New Age musica da films. 
  • Fraseggio ed interpretazione del repertorio del tango argentino (dal Carlos Gardel ad Astor Piazzolla).
  • Tecniche di Arrangiamento, Adattamento e Trascrizione per fisarmonica. 
  • Esecuzione dal vivo ed ascolto e visione delle partiture da solista in ensemble cameristiche e in orchestra.


Docente: Massimo Signorini